Eventi

Calendario

Maggio 2019

Fellow Shoptalks

Shoptalk – Nicolás Leong and Virginia Virilli

  • Lunedì, 6 Maggio 2019 - 6:00pm
AAR Lecture Room
Rome

Nicolás Leong
Recent Work, in Context

The Los Angeles–based artist Nicolás Leong will discuss his recent photographic explorations in and around Rome, and how they relate to his previous and ongoing efforts to picture the world.

Leong is the Abigail Cohen Rome Prize Fellow in Visual Arts.

Virginia Virilli
Women

The Rome-based writer Virginia Virilli will read extracts from her book Le ossa del Gabibbo (Feltrinelli, 2012) and from her theater plays to show how a recurring theme, “woman” in this case, is frequently growing along with the author.

Virilli is the Italian Fellow in literature.

The shoptalks will be held in English. Watch this event live at https://livestream.com/aarome.

A valid photo ID is required for entry into the American Academy in Rome. Backpacks and luggage with dimensions larger than 40 x 35 x 15 cm (16 x 14 x 6 in.) are not permitted on the property. There are no locker facilities available.

Patricia H. Labalme Friends of the Library Lecture

Thomas Carpenter - Alla ricerca del dio Dioniso nella Puglia antica

  • Mercoledì, 8 Maggio 2019 - 6:00pm
Villa Aurelia
Rome

In passato, l’opinione tradizionale assumeva che la ceramica apula decorata con figure fosse prodotta prevalentemente da e per i Greci della colonia di Taranto; tuttavia, studi recenti hanno mostrato che le popolazioni italiche (non greche) locali della Puglia costituivano il mercato principale. Nel suo intervento, Thomas Carpenter dimostrerà come queste popolazioni locali abbiano adottato e modificato l’immagine greca di Dioniso, dio del vino e del teatro, per i loro scopi, considerandolo come guida per l’aldilà e verso una vita ultraterrena beata.

Formatosi come archeologo classico, Thomas Carpenter ha conseguito titoli di studio alle università Johns Hopkins, Harvard e Oxford ed è un esperto di religione e iconografia dell’antica Grecia. Ha pubblicato numerosi libri e saggi, uno dei quali, Art and Myth in Ancient Greece, è stato tradotto in sei lingue. I suoi studi più recenti si concentrano sulle popolazioni italiche nell’Italia del IV secolo a.C., e, recentemente, ha co-curato il primo libro in inglese su queste popolazioni: The Italic People of Ancient Apulia: New Evidence from Pottery for Workshopes, Markets and Customs (Cambridge, 2014). Carpenter è Charles J. Ping Professor of Humanities e Distinguished Professor of Classics Emeritus alla Ohio University.

L’evento si terrà in lingua inglese. Sarà possibile seguirlo in diretta streaming https://livestream.com/aarome.

I visitatori dell’American Academy in Rome sono pregati di mostrare un documento d’identità all’ingresso. Non è possibile accedere con bagagli o zaini di dimensioni superiori a cm 40 x 35 x 15. Non sono disponibili armadietti né guardaroba.

 

 

Tour

Open House Roma

  • Sabato, 11 Maggio 2019 - da 3:00pm a 6:00pm
McKim, Mead & White Building
Rome

L’American Academy in Rome parteciperà alla VIII edizione di Open House Roma: in quest’occasione l’Accademia organizzerà visite guidate in italiano dell’edificio principale (il McKim, Mead & White Building), che comprenderanno il Cortile, la Biblioteca Arthur and Janet C. Ross Library, ed il Bass Garden.

Le visite sono gratuite, con prenotazione obbligatoria. Le prenotazioni saranno aperte il giorno 24 aprile.

I visitatori dell’American Academy in Rome sono pregati di mostrare un documento d’identità all’ingresso. Non è possibile accedere con bagagli o zaini di dimensioni superiori a cm 40 x 35 x 15. Non sono disponibili armadietti né guardaroba.

Performance

Tom Johnson/Adrienne Kennedy – La vita si avvinghia a ciò che più la respinge

  • Martedì, 14 Maggio 2019 - 6:00pm
AAR Cryptoporticus
Rome

Life Clings Closest Where Most Hated  // La vita si avvinghia a ciò che più la respinge
Performance di Tom Johnson che prende le mosse dalle note di Adrienne Kennedy su Frankenstein.

L’American Academy in Rome è orgogliosa di presentare il debutto internazionale di questa collaborazione tra la celebre drammaturga Adrienne Kennedy e Tom Johnson, artista americano che vive e lavora a Torino. Ispirato dalla lettura di Kennedy del romanzo Fankenstein (1818) di Mary Shelley – pietra miliare nello sviluppo delle visioni moderne su corpo, differenza e alienazione sociale – Johnson ha realizzato un’installazione e una performance specificamente per la mostra The Academic Body, che inauguereà il 22 maggio.

Adrienne Kennedy, inserita nella Hall of Fame del teatro nel 2018, ha esplorato i temi di razza, relazione parentale e violenza nella società americana in drammi quali Funny House of a Negro, A Movie Star Has to Star in Black and White e The Alexander Plays. Kennedy si ispira a figure mitiche, storiche e immaginarie per investigare l’esperienza afro-americana. Come scrive Hilton Als nel New Yorker, le donne di colore di Kennedy “sono sull’orlo del precipizio del disastro, della pazzia o della perdita.” Funny House of a Negro, che Kennedy ha completato durante il suo soggiorno a Roma nel 1961 dopo il viaggio in Europa e Africa occidentale, è stato rappresentato la prima volta a New York e ha vinto un Obie Award nel 1964. La voce caratteristica dell’autrice è stata riconosciuta immediatamente come una delle più originali e incisive del teatro americano.

Johnson – la cui opera abbraccia disegno, scultura, video e perfomance dal vivo –  ha esplorato molti dei temi centrali dei drammi di Kennedy. Così l’artista: “Mi interessa analizzare alcuni tabù sociali non perché sia così coraggioso e forte, ma perché mi opprimono e sono sicuro che ci si possa sentire meglio di così. La mia strategia è semplicissima. Se analizzo alcuni fenomeni (il razzismo, lo “sguardo” maschile, la psicologia del benessere), è perché li ritrovo in me stesso.”

L’evento è stato realizzato grazie al Roy Lichtenstein Artist in Residence Fund, la Robert Mapplethorpe Foundation, e la Terra Foundation for American Art.

I visitatori dell’American Academy in Rome sono pregati di mostrare un documento d’identità all’ingresso. Non è possibile accedere con bagagli o zaini di dimensioni superiori a cm 40 x 35 x 15. Non sono disponibili armadietti né guardaroba.

Reading

Anthony Doerr – Il domani dei classici

  • Giovedì, 16 Maggio 2019 - 6:00pm
MACRO ASILO
Rome

In una anteprima speciale della XVIII edizione del Festival Internazionale delle Letterature di Roma, lo scrittore premio Pulitzer Anthony Doerr (Fellow del 2005), autore di All the Light We Cannot See (2014 – ed. it. Tutta la luce che non vediamo, BUR, 2014) e Residente all’American Academy in Rome questa primavera, leggerà un testo inedito che esamina il tema del Festival di quest’anno: Il domani dei classici/The Future of the Classics. Interverranno il direttore dell’American Academy in Rome John Ochsendorf e la direttrice artistica del Festival Letterature Maria Ida Gaeta

L’evento è frutto di una collaborazione tra l’American Academy in Rome, Letterature Festival Internazionale di Roma XVIII edizione, Macro Asilo e BUR Rizzoli, l’editore italiano di Doerr che quest’anno festeggia il suo settantesimo anniversario.

Gli eventi del Festival Internazionale delle Letterature di Roma, continueranno dal 4 giugno al 3 luglio 2019 alla Basilica di Massenzio nel Foro Romano.

L’evento sarà in inglese e in italiano. Sarà disponibile un servizio di traduzione simultanea.

MACRO ASILO
Auditorium
via Nizza, 138
00198 Rome Italy

Conversations/Conversazioni

Mark Robbins, Patricia Cronin, and Stefan Sagmeister – Corpo Visibile

  • Mercoledì, 22 Maggio 2019 - 6:00pm
AAR Lecture Room
Rome

L’evento è parte della serie Nuove ricerche sulle arti e sulle discipline umanistiche: il corpo.

Subito prima dell'inaugurazione della mostra The Academic Body, Mark Robbins terrà una conversazione con due degli artisti in mostra, Patrica Cronin (2007 Fellow) e Stefan Sagmeiter, attuale Henry Wolf Graphic Designer in Residence presso l’Accademia.

L’evento si terrà in lingua inglese.

La Helen Frankenthaler Foundation è lo sponsor della stagione 2018–19 di Conversations/Conversazioni: From the American Academy in Rome.

I visitatori dell’American Academy in Rome sono pregati di mostrare un documento d’identità all’ingresso. Non è possibile accedere con bagagli o zaini di dimensioni superiori a cm 40 x 35 x 15. Non sono disponibili armadietti né guardaroba.

 
Exhibition

The Academic Body

  • Mercoledì, 22 Maggio 2019 - da 7:00pm a 9:00pm
McKim, Mead & White Building
Rome

The Academic Body è parte della serie New Work in the Arts & Humanities: The Body.

Sin dalla nascita del concetto di rappresentazione, il corpo umano è stato veicolo di una grande varietà di approcci all’espressione artistica. Come modo di immaginare il divino, luogo di bellezza ideale e meditazione sulla caducità della vita, o come terreno conteso tra natura e cultura, i corpi – e le loro rappresentazioni – riuniscono le idee che una cultura ha su di sé e rappresentano il teatro della messa in discussione e della contestazione della forma umana.

Recentemente, il corpo si è riaffermato come work in progress, una tela da modificare, che si conforma ai mutevoli canoni di bellezza o che sviluppa costantemente ruoli di genere costruiti. In tale veste, il corpo come forma malleabile occupa di nuovo il centro della scena nel dibattito culturale e nell’espressione artistica. Come magnete di questioni sociali contemporanee – quali la violenza perpetrata contro gli emarginati, il riconoscimento degli individui transgender e la sostituzione della manodopera con la robotica, per citarne solo alcuni – i corpi hanno assunto una visibilità senza precedenti nel discorso politico.

Tenendo ben presenti queste questioni, la mostra rintraccia i vari modi in cui il corpo è stato indagato e trasformato nell’arte contemporanea dal 1894 ad oggi. Evolvendosi da sostenitrice della pratica artistica accademica a laboratorio per un dialogo all’avanguardia tra teoria critica e impresa creativa, l’American Academy in Rome è straordinariamente qualificata per ospitare una mostra che ripercorre le mutevoli rappresentazioni del corpo nell’arte e nella società. In tal modo, questa istituzione riflette criticamente sul suo percorso e sulla sua duratura importanza. The Academic Body presenta opere di artisti affiliati all’accaemia (borsisti e residenti) il cui lavoro ha analizzato questi temi in modi provocatori e i cui percorsi si sono incrociati in maniera rilevante e critica con l’Italia e la tradizione accademica.

La mostra è curata da Mark Robbins, Presidente e CEO dell’American Academy in Rome, e da Peter Benson Miller, Direttore Artistico. La mostra e il catalogo sono stati realizzati grazie al Roy Lichtenstein Artist in Residence Fund, al Robert Mapplethorpe Photographer Residence Fund, alla Robert Mapplethorpe Foundation, e alla Terra Foundation for American Art. La mostra è accompagnata da un catalogo con testi di Mary Beard, Leslie Cozzi, Peter Benson Miller, Mark Robbins, Deborah Willis.

La mostra sarà aperta al pubblico dal 23 maggio al 31 luglio 2019, dal giovedì al sabato, dalle 16.00 alle 19.00.

I visitatori dell’American Academy in Rome sono pregati di mostrare un documento d’identità all’ingresso. Non è possibile accedere con bagagli o zaini di dimensioni superiori a cm 40 x 35 x 15. Non sono disponibili armadietti né guardaroba.